Vincere lo stress

Stampa l'articolo Stampa l’articolo 

Vincere lo stress

di Eugenio Guarino

(se hai fretta clicca qui)

Ti sei mai sentito diviso da obiettivi divergenti? Mai provato un senso di oppressione sotto il peso dei doveri professionali e domestici?

Lavoro, moglie o marito, compagno o compagna, figli, amici, casa, impegni!!

Stop. Fermate il mondo. Voglio un attimo per me!

Ti ritrovi in una di queste situazioni? Allora prova a leggere questo articolo. Sono sicuro che ti sarà di conforto.

Stress buono e stress cattivo

Mancanza di tempo, preoccupazioni, richieste superiori alle possibilità possono farti sentire senza controllo sulla tua vita.

Come tutti gli stati d’animo anche lo stress ha due facce, una positiva e una negativa. La faccia positiva viene definita eustress.

Lo stress positivo ti dà energia, aumenta la concentrazione, la precisione, l’attenzione; è il segnale che devi mettercela tutta per affrontare una situazione sfidante.

Le cose cambiano quando lo stress si trasforma in di stress, lo stress negativo. I sintomi sono insicurezza, depressione, frustrazione.

L’atteggiamento è tutto

Ma cos’è determina se la tensione si trasforma in eustress piuttosto che in distress?

La risposta è semplice: l’atteggiamento che assumi verso ciò che ti accade.

Una novità può essere vissuta come una sfida entusiasmante o come una situazione che detesti.

Di fronte a un lavoro da fare puoi dire a te stesso:

“E’ bello essere sempre occupati, non ci si annoia mai” oppure

“Che brutto essere sempre sovraccarichi di lavoro”

Quando ti trovi ad affrontare due esigenze divergenti puoi reagire dicendoti:

“E’ solo una questione di priorità, cosa è più importante per me?” oppure

“E’ una situazione insostenibile, non ce la farò mai.”

C’è motivo per preoccuparsi?

Naturalmente se queste situazioni si ripetono con una certa frequenza le difese si abbassano ed è facile passare da un atteggiamento positivo ad uno negativo.

Quando questo accade può essere d’aiuto ricordarsi delle occasioni in cui si è reagito positivamente, rammentare i successi del passato e tutte quelle occasioni in cui la preoccupazione si è rivelata esagerata.

Quando ti senti stressato, depresso, preoccupato:

  1. valuta se ciò che ti preoccupa è qualcosa di veramente importante o è qualcosa di poco conto
  2. valuta se ti stai pre-occupando per cose che hanno poca probabilità di accadere o di avverarsi
  3. riporta alla mente situazioni simili in cui la situazione  si è risolta, come si è risolta e soprattutto cosa hai fatto tu o potresti fare ora di simile o di diverso per risolverla.

Ricordati del detto “Se c’è una soluzione perché preoccupi? E se non c’è allora…perché ti preoccupi?

Fissare le priorità

Per non essere stressato devi essere consapevole che non puoi fare tutto subito.

E’ inutile che imporsi di svolgere mille attività tutte in una volta. Non c’è mai tempo per fare tutto e farlo bene.

Dato per scontato che non potrai mai fare tutto quello che vorresti devi aver chiaro cosa devi fare ma anche quello che vuoi veramente fare.

Devi fissare delle priorità.

La cosa non è semplice, ma neanche impossibile. Prova a seguire questi consigli.

  1. Chiediti cosa è veramente importante per te, per la tua carriera, per la tua famiglia, per le tue relazioni, per la tua salute, per le tue finanze.
  2. Quando devi o vuoi fare qualcosa di importante in uno degli ambiti sopra menzionati, ma questa cosa è in contrasto con ciò che devi o vuoi fare in un altro ambito, chiediti a quale delle due aree tieni di più e chiediti se non c’è il modo di soddisfare entrambi i bisogni senza che uno vada a scapito dell’altro. Ad esempio “fumare mi fa sentire più spigliato e mi aiuta nelle relazioni ma è in contrasto con il mio desiderio di rimanere in buona salute e non sprecare soldi, quindi devo chiedermi se per me contano più le relazioni o la salute e la mia situazione finanziaria; quale alternativa al fumo posso trovare che mi sostenga nelle relazioni e non danneggi la mia salute e le mie finanze?”
  3. Prova a pensare a cosa accadrebbe se non fai una determinata cosa. Quali sono le conseguenze? La farà qualcun altro? Rimarrà inevasa? E cosa accadrebbe se lo rimanesse? Ricordati che nessuno è indispensabile anche se è bello pensare il contrario.
  4. Chiediti se stai facendo qualcosa perché devi farlo o perché ti piace farlo. Dovresti organizzare la tua vita in modo che le due cose coincidano, ma non sempre è così. Dai priorità alle cose che devi fare magari alternandole con ciò che ti piace, come premio per aver fatto qualcosa più dovere che per piacere.

Un imprevisto non è mai stressante se l’hai…pianificato

La cosa più importante che puoi fare per vivere il futuro senza stress è tentare di pianificarlo e prevederlo.

Se devi affrontare le rapide è più probabile che sbatterai contro le rocce se ti lasci trascinare dalla corrente o se hai ben chiaro in che direzione devi remare per evitare gli ostacoli?

Elenca tutte le attività e gli eventi che sai già di dovere affrontare. Fai un elenco delle attività e degli eventi che si verificheranno nel breve periodo. Sono quelli che dovrai affrontare da domani a qualche settimana. Fai un elenco di medio periodo, riferito ad un arco temporale che va dal mese all’anno. Infine elenca le attività e gli eventi prevedibili nel lungo periodo, da un anno a ….tutta la tua vita e oltre.

Elenca le cose certe e quelle probabili.

Inizia a lavorare affinché le cose vadano come desideri. Agisci subito per evitare o almeno rendere più accettabili possibili le attività e gli eventi spiacevoli e rendere indimenticabili quelli positivi.

Ricorda che la cura migliore per l’ansia, lo stress e la depressione è l’azione!

Ancora qualche consiglio

  1. Ricordati che puoi dire di no. Spiega agli altri e a te stesso le ragioni per cui ti rifiuti di fare qualcosa, non dimenticare di esprimere anche le tue emozioni, gli stati d’animo e i sentimenti che ti portano a rifiutare. I rifiuti sono indesiderati e feriscono solo quando non sono espressi con assertività: sii sincero, spiega i motivi, i tuoi sentimenti, proponi soluzioni alternative, l’altro lo apprezzerà e imparerà a rispettarti e stimarti.
  2. Ricordati che puoi delegare. All’inizio può sembrare una perdita di tempo, ma stai certo che lo recupererai in fretta, soprattutto se darai istruzioni precise, sostegno e gratificazione per il lavoro fatto. La delega è un modo per liberare tempo, far crescere gli altri, e fare in modo che gli altri non dipendano da te. Perché la delega sia efficace devi concordare in modo preciso scadenze e standard di qualità attesi e non dimenticarti di verificarli costantemente anche prima della scadenza. Non lesinare correzioni e elogi.
  3. Ricordati che non ti è richiesto di essere perfetto. Se farai ciò che devi e lo farai elevandoti un po’ sopra la media raggiungerai grandi risultati. Basta poco, fai un po’ di più e un po’ meglio degli altri e il successo è assicurato. Andare oltre è solo una perdita di tempo e un buon modo per coltivare lo stress e per paralizzare l’azione. Se aspetti che tutto sia perfetto per muoverti, beh allora preparati a rimanere fermo.
  4. Ricordati di lasciare del tempo da dedicare a te stesso. Per fare bene devi ricaricarti. Lo devi a te stesso, ma anche agli altri. Ritagliati i tuoi spazi. Se non lo fai accumuli frustrazione e stress e a risentirne oltre a te stesso sono anche le persone che ti sono vicine. Spesso per far piacere agli altri gli dedichiamo tutti noi stessi rinunciando ai nostri spazi, ma in realtà così facendo, oltre a fare un torto a noi stessi, non raggiungiamo il nostro scopo. Gli renderemmo più felici se ci vedessero più tranquilli e capaci di goderci i nostri momenti di felicità.

Agisci subito!

 

  • Assumi un atteggiamento positivo verso ciò che devi fare e ciò che ti accade
  • Prima di preoccuparti per qualcosa, verifica che ne valga la pena: che probabilità ci sono che accada ciò di cui ti preoccupi? Quali potrebbero essere le conseguenze più gravi? Come te la sei cavata in situazioni simili?
  • Accetta il fatto che non puoi fare subito tutto quello che vorresti fare. Fissati degli obiettivi raggiungibili.
  • Agisci in base alle priorità: cosa devi fare di urgente e importante?
  • Pianifica le attività e prevedi gli eventi, eviterai di dover affrontare le urgenze e potrai concentrarti sulle cose importanti
  • Impara a dire di no, spiegandone i motivi e esprimendo i tuoi sentimenti e se possibile proponi delle alternative
  • Delega ciò che non riesci a fare nelle scadenze previste
  • Non puntare alla perfezione, se ti sforzi di fare solo un po’ meglio degli altri sei già sulla strada giusta
  • Riserva del tempo per te stesso, te lo meriti e ti aiuterà a ricaricarti per fare bene ciò che devi.

Ricorda: “I leader imparano dal passato, si concentrano sul presente e preparano il futuro” Anonimo

Come Vincere lo stress - Dale CarnegieLibri consigliati: Come vincere lo stress– Dale Carnegie – Bompiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...